Scopri subito le tue offerte di benvenuto VIP!
Scopri subito le tue offerte di benvenuto VIP!
Scopri le offerte di benvenuto del Club Prestige!

Beaujolais

Domaine de la Madone - Beaujolais-Villages - Cuvée Jean Baptiste Bererd - Rosso -2022

Caratteristiche

Paese/Regione: Beaujolais

Annata: 2022

Denominazione: AOP Beaujolais-Villages

Vitigno: 100% Gamay

Alcool: 13 % vol.

Colore: Rosso

Capacità: 75 cl

Ricompense

Vino valutato 93-96/100 dal nostro Comitato di Degustazione.

Vino:

Il Beaujolais-Villages Cuvée Jean Baptiste Rosso 2022 ha la grande stoffa dei Beaujolais Cru. Il naso purissimo rivela la perfetta maturità dell'annata e la sua concentrazione naturale. La predominanza dei frutti neri suggerisce note floreali, di viola e di caramelle alla liquirizia. La struttura opulenta, matura e carnosa, si impone in bocca con la sua classe e i tannini setosi. È un vino di grande tensione che merita di essere lasciato riposare tranquillamente in cantina. Valutato 93-96/100 dal nostro Comitato di Degustazione.

Vinificazione:

Vendemmia manuale di vecchie vigne piantate nel 1941 e 1948, 100% diraspate, lunga macerazione, affinamento per 12 mesi in botti sulle fecce per 1/3 della cuvée e in tini per 2/3 della cuvée.

Vino biologico certificato.

Occhio:

Rosso brillante di bella intensità con riflessi violacei.

Naso:

Predominanza di note di frutti neri, mescolate a profumi di violetta e accenni di caramelle alla liquirizia.

Bocca:

Vino maturo e carnoso, ben strutturato. Dispiega un succo di ottima fattura, con tannini setosi e un interessante potenziale di invecchiamento.

Temperatura:

Servire tra 14 e 16°C.

Abbinamento cibo e vino:

Paté artigianale, brioche salata con salsiccia, capretto arrosto.

Maturazione:

Da oggi fino al 2033 e oltre per gli intenditori.

Il Domaine de La Madone è una tenuta poco conosciuta del Beaujolais che produce vini di alto livello grazie al talento di Bruno, Olivier e Frédéric Bererd.

Nascono qui vini biologici sinceri e precisi, affinati in serbatoi e vinificati secondo la tradizione borgognona. La loro modestia è inversamente proporzionale alla qualità dei vini, proposti a prezzi molto interessanti.

Qui nasce un vino nero come l’inchiostro, di una complessità straordinaria. Un grande vino proveniente da vecchie vigne del 1941 e prodotto solo nelle migliori annate. Una bellissima lettura di questi terroir pochi conosciuti che rappresentano l'eccellenza del vigneto francese.