Scopri subito le tue offerte di benvenuto VIP!
Scopri subito le tue offerte di benvenuto VIP!
Scopri le offerte di benvenuto del Club Prestige!

Linguadoca

Domaine La Terrasse d'Elise - IGP Pays d'Hérault - XB - Rosso - 2022

Caratteristiche

Paese/Regione: Languedoc

Annata: 2022

Denominazione: IGP Pays d'Hérault

Vitigno: 100% Syrah

Alcool: 14,5 % vol.

Colore: Rosso

Capacità: 75 cl

Ricompense

Tenuta valutata 1 stella nella Guide des Meilleurs Vins de France 2024
Vino valutato 91/100 dal nostro Comitato di Degustazione.

Vino:

Il XB Rosso 2022 è l'espressione ideale del piacere immediato. Il Syrah vellutato ed espressivo dispiega aromi di mora selvatica e spezie dolci. La materia è morbida, fresca ed elegante. Nonostante la sua immediatezza e facilità di beva, ha tutte le carte in regola per invecchiare con grazia nei prossimi cinque anni.

Vinificazione:

Vendemmia manuale, vinificazione tradizionale con lieviti indigeni e poca estrazione, affinamento per 6 mesi in botte.

Vigneto gestito secondo i principi della coltivazione Biologica e Biodinamica, non certificata.

Occhio:

Rosso porpora intenso.

Naso:

Aromi di ribes nero e mirtilli mescolati con note di spezie dolci.

Bocca:

Al palato risulta fresco ed elegante, sostenuto da una struttura vellutata e setosa. Sublime!

Temperatura:

Servire tra 14 e 16°.

Abbinamento cibo e vino:

Salumi, fiorentina.

Maturazione:

Da oggi fino al 2028

Il talento e la passione hanno permesso alla Terrasse d'Elise di farsi un nome tra gli intenditori di buon vino. Su questi territori calcarei e ciottolosi dell'Aniane, Xavier Braujou modella vini di grande carattere di un’eleganza, una freschezza e una delicatezza che fanno invidia a molti nel settore.

La sua fonte di ispirazione non è altro che la leggendaria tenuta Rayas e quando si assaporano i suoi vini è impossibile non notare la similitudine tra i due stili. Vecchie viti, rese minime, tecniche di agricoltura biologica e biodinamica, lavoro meticoloso in cantina con pochissimi interventi, poca estrazione e lieviti indigeni danno vita a vini monovitigno tra i migliori del Languedoc.